Cronoscalata. Sono 158 gli iscritti alla 30ª Salita del Costo

Soddisfacente l’esito delle adesioni alla cronoscalata organizzata da Rally Club Team in collaborazione con ACI Vicenza. Ai 125 piloti delle auto moderne se ne sommano 33 con le storiche. Si rinnova il duello Faggioli – Merli col toscano alla ricerca del poker

Tutto pronto per la trentesima edizione della Salita del Costo che dall’1 al 3 aprile vedrà ben 158 piloti sfidarsi sul tecnico ed apprezzato percorso di 9,910 chilometri che, dalla località Bramonte di Cogollo del Cengio, sale verso l’Altopiano dei Sette Comuni percorrendo la strada statale 349 “del Costo” fino alla località “Campiello”.
Ben centoventicinque i piloti che si schierano al via della gara di apertura del T.I.V.M. Trofeo Italiano Velocità Montagna con un parterre di assoluto livello; a tenere banco sarà sicuramente l’ennesima sfida tra i mattatori a livello nazionale e internazionale delle ultime stagioni, Simone Faggioli su Norma Bardhal M20 FC e Christian Merli su Osella FA30.
Per il pluricampione fiorentino, recente vincitore del Trofeo della Consuma domenica scorsa, ci sarà sicuramente la ricerca della quarta vittoria da sommare a quelle conseguite nel 2017, 2019 e 2021 quest’ultima con lo strepitoso record fatto segnare col tempo di 3’59”55 scendendo sotto il muro dei quattro primi. Di certo dovrà fare i conti con l’eterno rivale trentino il quale sicuramente vorrà incrementare il proprio palmarès, fermo alla vittoria del 2018; a cercare di fare da terzo incomodo ci proverà sicuramente il vincitore del TIVM 2021 Diego De Gasperi anch’egli al via con un’Osella FA30, tirandosi in scia anche Franco Caruso su Nova Proto Zytech. Occhi puntati anche nella categoria GT con una nuova sfida tra le Ferrari 488 di Luca Gaetani e Roberto Ragazzi e la Lamborghini Huracan di Bruno Jarach. Vista la presenza del pubblico ammesso sul percorso di gara, il locale Andrea Parisi su Osella PA 21 avrà quella marcia in più per ben figurare grazie ai tanti tifosi che lo sosterranno. Saranno però le avverse condizioni meteo che non promettono una gara asciutta a poter rimescolare le carte e mettere in gioco più di qualche outsider su vetture “Turismo”.
Nella gara delle auto storiche il pronostico è a favore di Giovanni Ambroso con l’Osella PA9/90 con la quale primeggiò nel 2021 ma, come detto per le moderne, il meteo potrebbe ribaltare i pronostici, mettendo in gioco le Porsche 911 RSR di Giampaolo Basso e Umberto Pizzato oltre alla Ford Sierra Cosworth 4×4 di Agostino Iccolti.
La gara entrerà nel vivo con le operazioni di accredito ospitate nel motorhome situato in Via Da Vinci nella zona industriale di Caltrano a partire dalle 9 di venerdì 1 aprile, che si protrarranno fino alle 16.30. La giornata del sabato sarà dedicata alle prove ufficiali del percorso con due manches, la prima alle 9.30 e la seconda dalle 14.30 permettendo una temporanea apertura della strada alla circolazione locale. Clou della manifestazione domenica 3 con la partenza della prima vettura storica alle 10 e a seguire le moderne. Il parco chiuso sarà allestito nuovamente nel Piazzale della Vecchia Stazione a Cesuna di Roana e le premiazioni ospitate nell’adiacente Palaciclamino.
Sia le manches di prova, quanto la gara, saranno precedute dall’oramai tradizionale Parata non competitiva alla quale saranno ammesse alcune vetture sportive selezionate dall’organizzatore.
Come confermato nei giorni scorsi, l’accesso del pubblico sarà autorizzato in apposite aree dedicate, con gli spettatori che dovranno comunque osservare l’obbligo di mantenere le distanze di sicurezza e di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale specialmente nei pressi delle biglietterie. L’organizzatore raccomanda di rispettare l’ordine e le indicazioni del personale in servizio per garantire un buon svolgimento dell’evento.
Ulteriori informazioni e i documenti di gara al sito web https://www.rallyclubisola.it

Fonte: ufficio Stampa Andrea Zanovello
Foto: Videofotomax

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
continua con gli

Articoli Correlati

error:
Torna su