Rally Day Valle della Guardia: podio per Gessa-Pusceddu

I portacolori della scuderia Sardegna Racing Team, su Renault Clio S1600, hanno chiuso sul terzo gradino del podio il 1° Rally Day Valle della Guardia-Memorial Battista Giammasi.

La prima edizione del Rally Day Valle della Guardia-Memorial Battista Giammasi, è stata vinta da Mario Trotta, in coppia con Federico Germani. Al secondo posto Giovanni Gravante coadiuvato alle note da Marco Lepore e terzo posto per i portacolori della Sardegna Racing Team Marino Gessa e Salvatore Pusceddu, tutti su Renault Clio S1600.
Una gara giocatasi sul filo dei secondi, con Trotta che si è imposto in cinque delle sei prove speciali, una a pari merito con Gessa che, dal canto suo, alla sua prima apparizione sulle strade ciociare ha vinto tre prove speciali, compresa quella finita con lo stesso tempo del rivale.
Ottima la prestazione del pilota di Arbus, Marino Gessa, terzo a 9”2 dal vincitore che, alla sua prima apparizione su queste strade, in coppia con il cagliaritano Salvatore Pusceddu, è stato subito velocissimo, giocandosi gran parte delle possibilità di duellare per la vittoria con una toccata nella terza prova speciale. “Sono soddisfatto per questo debutto sulle strade ciociare”, ha commentato il pilota Marino Gessa, “peccato per quella toccata nella terza prova speciale, un errore che ho pagato a caro prezzo perché alla fine ho lasciato sette/otto secondi importantissimi. Però sono contento perché sulla prova veloce eravamo competitivi, la macchina era perfetta così come lo è stato il mio navigatore. Bella gara, pubblico caloroso, spero di tornare il prossimo anno”.
Ai piedi del podio Fabio Carnevale in coppia con Roberto Lombardi, anche loro su Renault Clio, davanti a Michael Rendina, figlio del noto pilota-organizzatore Massimiliano Rendina, classificatisi in quinta posizione.
Fonte e foto: ufficio stampa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
continua con gli

Articoli Correlati

error:
Torna su