Iscrizioni prorogate al 15 ottobre per il 7° Rally Colline Metallifere e Val di Cornia

La gara torna con soddisfazione a farsi abbracciare da Piombino, di nuovo fulcro dell’evento dopo i due anni trascorsi con le difficoltà date dall’emergenza sanitaria. E’ stato disegnato un percorso di alto livello in ampia parte rivisto, legato comunque alla tradizione, con prove speciali “da università”. Confermate le auto storiche che avranno l’appuntamento finale del Trofeo di 3^ zona (partendo quindi per prime), saranno i caratteri forti dell’evento organizzato dalla MaremmaCorse 2.0, appuntamento idoneo anche per pensare di preparare al meglio la finale di Coppa Italia, prevista due settimane dopo. Riconfermato il Memorial Leonardo Tucci, giunto alla quinta edizione.
Iscrizioni prorogate sino alle ore 24,00 di sabato 15 ottobre, per 7° Rally delle Colline Metallifere e della Val di Cornia.
In programma per il 22 e 23 ottobre, la gara è dunque nel vivo. La competizione organizzata da MaremmaCorse 2.0 è pronta a festeggiare il quinto anno di permanenza a Piombino, dove è stata trovata di nuovo ampia accoglienza sia dall’Amministrazione Comunale come pure dagli operatori economici.
Grande enfasi poi, per tornare a farsi “abbracciare” dal centro cittadino, con partenza ed arrivo, in Corso Italia, andando a riaffermare l’alta valenza che ha l’evento come veicolo per l’immagine della città, del proprio ed evidentemente come volàno per l’indotto turistico-ricettivo.  
Affascinante la location, decisamente interessante il percorso, ricavato dal recente passato e dalla storia del rallismo toscano e nazionale, verte su otto prove speciali in totale, una sfida che si avrà in due giorni, comprendendo le vetture storiche, il 2° Valdicornia Historic Rally, che sarà la prova finale del Trofeo Rally di 3^ Zona (TRZ), per cui proprio proprio esse apriranno le partenze del rally.
Peraltro, la collocazione temporale della gara, il suo percorso molto tecnico, la particolarità del fondo stradale, la pongono come ideale impegno-test in vista della finale nazionale della Coppa Italia di Cassino, prevista due settimane dopo.
Ecco le prove speciali, certamente capaci di esaltare chi le affronterà e idonee a appunto a fare da test:
PROVA SPECIALE N. 1 “CAMPIGLIA” – KM. 4,750
Sarà in notturna. La prima metà è anche utilizzata per lo shakedown.
Parte con strada larga e guidata, alternando tratti veloci a “tornantoni”, fino al bivio di Campiglia. Da lì inizia la discesa che porta la fine prova, veloce e guidata allo stesso tempo. Grip buono
SUPER PROVA SPECIALE N. 2 “PIOMBINO” – KM. 1,600:
Una “Super Prova Speciale”. SI tratta di un circuito cittadino che si svolge nella strada a 4 corsie che conduce al Porto di Piombino. É composta da alcune chicane, 4 inversioni da . . . “leva” ed un dosso da . . . “pelo”. Spettacolo puro.
PROVA SPECIALE N. 3-5-7 “SASSETTA” – KM. 11,400
L’università della curva, percorsa, nel tempo in entrambi i sensi. In questo caso lo start è posto appena fuori da Suvereto, con strada tortuosa ed in leggera salita, fino all’abitato di Prata. Da qui il nastro di asfalto si snoda in un susseguirsi di curve e controcurve tutte in sottobosco, che rende questo tratto scivoloso, soprattutto se piove. Il fine prova è posto poco prima di Sassetta.
PROVA SPECIALE N. 4-6-8 “MONTEVERDI” – KM. 6,930
Parte con strada larga e curve medio/veloci con tanto appoggio, fino al paese di Monteverdi, che viene attraversato integralmente.
Qui si affronta il famoso tornante in discesa, seguito subito da un’inversione destra, che immette nella discesa finale, inizialmente guidata per diventare veloce ed insidiosa fino al fine prova speciale. Fondo buono, ma scivoloso in caso di pioggia.
IL PROGRAMMA
Al sabato, 22 ottobre, dopo la partenza, alle ore 19,01, si disputeranno due prove speciali in notturna, con il fascino dei fasci di luce che tagliano l’oscurità. Vi sarà la sfida di “Campiglia”, un aperitivo, e successivamente l’attenzione si sposterà sulla “Super Prova Speciale” di Piombino, sulla strada che conduce al porto.
Dopo le prime “schermaglie” i concorrenti entreranno nel riordinamento notturno sempre in Corso Italia, per uscirne l’indomani, domenica 23 per affrontare la restante parte del rally. Attenderà i concorrenti un ambo di prove da ripetere tre volte, strade che appartengono alla storia del rallismo nazionale, come “Sassetta” (Km. 11,400, la più lunga) e “Monteverdi” (Km. 6,930). Seguirà l’arrivo, dalle ore 17,31, con premiazione sul palco, certamente abbracciati dal pubblico delle grandi occasioni, in centro città a Piombino.
In centro a Venturina saranno organizzati i riordinamenti del sabato tra le due prove da disputare ed alla domenica, mentre il Parco di Assistenza sarà nel parcheggio di Cala Moresca sede anche del quartier generale della gara.
I comuni coinvolti al fianco dell’organizzazione, oltre a Piombino, sono quelli dell’intera area della Val di Cornia: Campiglia Marittima, Monteverdi, Sassetta e Suvereto.
IL “MEMORIAL LEONARDO TUCCI”
La gara sarà di nuovo intitolata a Leonardo Tucci, il driver originario della bassa provincia livornese, prematuramente scomparso nel 2012, uno sportivo di alto livello e carisma, il cui ricordo è ancor oggi molto forte. Sarà la quarta edizione del “memorial” a lui dedicato.
L’edizione del 2021 vide la vittoria dei biellesi Pinzano-Zegna, su una Skoda Fabia R5, davanti agli svizzeri Burri-Cler (VolksWagen Polo R5) e terzi Arzà-Castiglioni, con una Citroen C3 R5.
Nella foto lo svizzero Burri (foto Ferretti)
https://maremmacorse.com/
Fonte: ufficio stampa Alessandro Bugelli

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

CIV 2023: comincia tutto da qui

Presentata al Motor Bike Expo la nuova stagione di quell’ampio progetto di crescita del talento che è il CIV, testimoniato anche dalla consegna a Vuono,

error:
Torna su